Box office: Il dittatore conquista l’Italia e l’esotismo di Madagascar impazza in America

il dittatore

Chi l’avrebbe mai detto che quel mattacchione di Sacha Baron Cohen con il suo “Il dittatore” avrebbe scalato il box office italiano? Eppure lo ritroviamo al primo posto con un incasso di  658.088 euro. Le avventure di Will Smith e Tommy Lee Jones in “Men in black 3” occupano invece il secondo posto con un’entrata di 184.232 euro. Alla fine del podio la commedia trascinante di “Project X – Una festa che spacca” che porta a casa 155.451 euro. La magia de “La Bella e la bestia in 3D” ha emozionato molti spettatori visto che lo ritroviamo al quarto posto con l’incasso di 146.025 euro. Ancora animazione con “Lorax – Il guardiano della foresta” che si piazza in quinta posizione e guadagna 118.448 euro. Subito dopo l’horror italiano “Paura 3D” che porta a casa ben 82.228 euro. Il ricordo della grande diva in “Marilyn” fa sì che il film rimanga in settima posizione con 70.938 euro di incasso, mentre il “Dark Shadows” di Tim Burton resiste all’ottavo posto e porta a casa 64.416 euro.In conclusione di classifica abbiamo la commedia romantica “Benvenuto a bordo” con un incasso di 60.580 euro e il drammatico “Le paludi della morte – Texas killing fields” che guadagna 51.711 euro.

15.06.12a

In America, invece, c’è il trionfo dell’animazione con la prima posizione occupata da “Madagascar 3: Ricercati in Europa” che incassa ben 35.500.000 dollari. Al secondo posto troviamo il “Prometheus” di Ridley Scott che registra un’entrata di 20.200.000 dollari. Terzo posto per lo scoppiettante “Rock of ages” che guadagna 15.060.000 dollari. La favola rivista di “Biancaneve e il cacciatore” detiene la quarta posizione e mette in saccoccia 13.805.000 dollari, seguita dalla commedia di “That’s my boy” che, invece, vede un incasso di 13.000.000 di dollari. Ancora “Men in black 3” questa volta però al sesto posto con un’entrata di 10.000.000 di dollari. I supereroi di “The Avengers” resistono in settima posizione e guadagnano 8.848.000 dollari seguiti da “Marigold hotel” che, invece, si accontenta di 2.200.000 dollari. L’attesissimo “Moonrise Kingdom” di Wes Anderson vola basso all’ottavo posto e incassa 2.181.000 dollari portandosi dietro all’ultimo posto “Che cosa aspettarsi quando si aspetta” con 1.330.000 dollari di guadagno.

15.06.12b

Pubblicato su www.supergacinema.it

 

Box office: Dal Paradiso italiano all’animazione americana

Non potevamo aspettarci diversamente, a regnare nell’ultimo week-end ai botteghini italiani è stata l’attesissima commedia nel nostro Carlo Verdone, “Posti in piedi in paradiso”, che ha incassato addirittura 3.095.832 euro. A seguire il piccolo film francese, “Quasi amici”, che inaspettatamente si posiziona secondo con un’entrata di 1.510.304 euro. Terzo posto, invece, per l’avventura di “Viaggio nell’isola misteriosa”, che ha trascinato un bel po’ di spettatori al cinema portandosi a casa 1.150.254 euro.

Scendendo dal podio troviamo l’azione di “Safe House – Nessuno è al sicuro” che, forse grazie alla presenza di Denzel Washington, è valso ai produttori  969.472 euro. Ancora in Italia e ancora con la commedia, ci ritroviamo al quinto posto con “Com’è bello far l’amore” che resiste a metà classifica e incassa 717.400 euro. Altro genere, questa volta la fantascienza, alla sesta posizione occupata da “In time” con i divi Justin Timberlake e Amanda Seyfried, in grado di far entrare in saccoccia 421.326 euro.

L’immenso Scorsese con il suo bellissimo “Hugo Cabret” risulta solo settimo e nonostante il 3D porta a casa la cifra “irrisoria” di 378.481 euro, anche se le settimane di programmazione non sono poi così poche. L’horror gotico inglese, con il maghetto Daniel Radcliffe, e cioè “The Woman in black”, entra direttamente in ottava posizione con un misero incasso di  372.504 euro. Mentre il divo George Clooney al centro di “Paradiso amaro”, vincitore dell’Oscar alla miglior sceneggiatura non originale, è quasi spazzato fuori dalla classifica con una nona posizione che vale 310.045 euro. Il vero e proprio vincitore delle statuette più ambite, però, “The artist”, si ritrova ultimo con un guadagno pari a 268.566 euro.

 02.03.12b

Spostandoci come sempre oltreoceano, le cose cambiano nettamente, anche perché sono molti i film in classifica da noi ancora inediti. Come quello che occupa il primo posto, la pellicola d’animazione “Lorax – Il guardiano della foresta”, che balza direttamente in cima con uno stratosferico guadagno di 70.700.000 dollari. A seguire con un netto distacco, “solo” 20.775.000 dollari, la commedia “Project X” che precede di poco, invece, l’azione di “Act of valor”, al terzo posto con un incasso di 13.700.000 dollari.

Specularmente al nostro box office, in quarta posizione ritroviamo “Safe House”, che però negli Stati Uniti fa il botto portandosi a casa 7.200.000 dollari. A seguirlo un’altra commedia, “Good deeds”, che si posiziona quinta e guadagna solo 200.000 dollari in meno della precedente. Al sesto posto, invece, ritroviamo “Viaggio nell’isola misteriosa”, che pur essendo più basso in classifica rispetto al nostro box office, mette in saccoccia ben  6.925.000 dollari.

Come un pesce fuor d’acqua arriva il dramma di “La memoria del cuore”, che si piazza in sesta posizione con 6.100.000 dollari di incasso. Ma si ritorna presto alla leggerezza della commedia con “Una spia non basta” che si discosta dal precedente per poche migliaia di dollari di differenza, con un’entrata di  5.625.000 dollari. Si va di sequel, all’ottavo posto, con “Ghost Rider: Spirito di vendetta”, in penultima posizione con 4.700.000 dollari di guadagno. Per finire, si chiude ancora una volta specularmente col nostro box office: in coda alla classifica abbiamo il pluripremiato “The artist”, con un considerevole guadagno di 3.900.000 dollari, al cospetto dei 37.088.000 dollari in totale. Niente male per un film muto e in bianco e nero!

Pubblicato su www.supergacinema.it

Box office 06.01.12: In Italia siamo Immaturi, mentre in Usa sono diabolici!

Schizza direttamente in prima posizione “Immaturi – Il viaggio” portandosi a casa ben 4.497.302 euro solo per quanto riguarda il weekend preso in considerazione. A seguirlo un film più consistente come “J. Edgar” di Clint Eastwood che si piazza secondo incassando 2.293.290 euro. Due film completamente diversi che ci portano ad un terzo posto ancora più distante, occupato da “Alvin Superstar 3 – Si salvi chi può”, con un guadagno di fine settimana pari a 2.236.699 euro. Siamo ancora dalle parti dell’animazione con la quarta posizione in cui troviamo “Il gatto con gli stivali” che registra un’entrata di 1.632.598 euro, per un totale che però ammonta a 15.205.077 euro. Ancora in ambito giocoso al quinto posto con “Sherlock Holmes: Gioco di ombre” con i mattacchioni Robert Downey Jr. e Jude Law che fanno portare a casa ai produttori ben 1.469.500 euro. I due cinepanettoni nostrani e cioè “Finalmente la felicità” e “Vacanze di Natale a Cortina”, si posizionano rispettivamente in sesta e settima posizione, guadagnando 818.201 euro e 817.974 euro. All’ottavo posto, invece, l’adolescenziale “Finalmente maggiorenni” che si assesta sui 517.566 euro. Per finire in coda alla classifica al nono posto abbiamo quello che è stato definito il cinepanettone americano e cioè “Capodanno a New York” con un incasso di 486.240 euro, mentre al decimo abbiamo l’impegnato e sofisticato “Le idi di marzo”, ultima fatica di George Clooney, che incassa 373.963 euro.

A regnare negli Usa, invece, è l’horror con “L’altra faccia del diavolo”, film a bassissimo costo che sulla scia di “Paranormal activity” si porta a casa un bel po’ di soldi, per la precisione 34.500.000 dollari. Si passa all’action che si piazza in seconda posizione con “Mission: Impossibile – Protocollo fantasma” che guadagna 20.500.000 dollari su un totale di ben 170.201.000 dollari. In terza posizione, resistono stoicamente i due mattacchioni di “Sherlock Holmes: Gioco di ombre” con 14.055.000 dollari di incasso. Scendendo dal podio troviamo al quarto posto il remake di David Fincher “Uomini che odiano le donne” che guadagna 11.300.000 dollari, seguito a ruota da “Alvin Superstar 3 – Si salvi chi può” con 9.500.000 dollari in entrata. Stranamente così basso, Spielberg si piazza al sesto posto con il suo “War horse” da noi ancora inedito che incassa 8.603.000 dollari. La commedia va sempre forte oltreoceano come dimostra la settima posizione de “La mia vita è uno zoo” con un guadagno di fine settimana pari a 8.450.000 dollari. Ancora Spielberg all’interno della stessa classicia, all’ottavo posto con il magico “Le avventure di Tin Tin” che resiste e incassa ancora 6.600.000 dollari. Così come per il nostro box office, anche in Usa la nona posizione è occupata da “Capodanno a New York” con un guadagno di 3.265.000 dollari. A chiudere il tutto ci pensa un vero e proprio thriller adrenalinico, “L’ora nera”, anch’esso da noi ancora inedito, che si mette in saccoccia solo, si fa per dire, 3.140.000 dollari.

Pubblicato su www.supergacinema.it