Frank Sinatra

Frank Sinatra, the voice. Frank Sinatra un cantante. Frank Sinatra un attore. Frank Sinatra un artista a tutto tondo, universale, eclettico, indimenticabile. Una delle voci che più ti rimangono impresse per la sua forza e il suo timbro. Chi non ha mai sentito una delle sue più o meno splendide canzoni? Chi non l’ha mai visto recitare con quei due occhi di ghiaccio e  l’espressione da duro su un viso così dolce? Chi non l’ha ammirato per almeno una delle innumerevoli cose in campo cinematografico o musicale che ci ha donato nel corso della sua longeva e stupenda carriera?

Io personalmente sin da ragazzina ho letteralmente adorato la sua carriera musicale più che quella cinematografica, appassionata come sono del jazz e dello swing (tra le tante cose). Chiamatemi vecchia, chiamatemi rammollita, chiamatemi come volete ma io amo Frank Sinatra!!!

 


Cenni biografici e curiosità tratte da Wikipedia

Frank Sinatra, nome d’arte di Francis Albert Sinatra (Hoboken, New Jersey, 12 dicembre 1915Los Angeles, California, 14 maggio 1998) è stato un notissimo cantante ed attore statunitense. Considerato uno dei più grandi interpreti di tutti i tempi, era noto con il soprannome di The Voice: semplicemente, "la Voce". Dai primi anni ‘40 e fino al 1995 è stato il personaggio più importante e carismatico dell’ Entertainment americano e mondiale. E proprio una speciale classifica, stilata nel 2000 – due anni dopo la sua morte – lo ha posto al primo posto fra le personalità dello spettacolo del XX secolo, imponendolo come il cantante più celebre di tutti i tempi. La sua carriera ha spaziato per quasi 70 anni, dai primi anni ‘ 30 al 1995.

  • Nel corso della sua lunghissima carriera, Frank Sinatra incise all’incirca 2200 canzoni, vendendo, secondo stime ufficiose, circa 600 milioni di dischi in tutto il mondo. Stranamente, però, arrivò al primo posto nella classifica dei singoli pochissime volte: nel 1965 con Somethin’ Stupid, cantata in coppia con la figlia Nancy, nel 1966 con Strangers in the night, nel 1969 con My Way. I veri grandi successi di Sinatra sono stati i suoi concept-album fin dagli anni ’50.
  • In Italia, Sinatra è entrato in classifica con oltre ottanta canzoni diverse: la prima volta nel 1936 con I’m an old cowhand (from Rio Grande), e l’ultima volta nel 1999 con All the way duettata con Celine Dion.
  • Sinatra ha sempre negato di aver avuto a che fare con la mafia italo-americana, ma si dice che il personaggio di Johnny Fontane in Il padrino sia ispirato proprio a lui e ai suoi contatti con la mafia.
  • Nel 1962 la Perugina scritturò Sinatra per tredici spot pubblicitari (con altrettante canzoni) da mandare in onda su Carosello. Gli spot furono girati a Roma in una vera sala d’incisione, quella della RCA, che era all’epoca la più grande e la meglio attrezzata, e Sinatra fu pagato ben 150 mila dollari, ma si rifiutò di pronunciare lo slogan «ovunque c’è amore c’è un Bacio Perugina», per cui dovette essere doppiato. Sinatra inoltre contestò la presentatrice scelta dalla produzione, che dovette ripiegare su Scilla Gabel, i cui interventi furono girati in seguito e montati all’inizio e alla fine dei brani musicali.
  • Nel 1963 Frank Jr. fu vittima di un sequestro-lampo: rapito l’8 dicembre, fu rilasciato due giorni dopo dietro il pagamento di un riscatto di 240 mila dollari.
  • Nel 1992 Sinatra insultò pubblicamente la cantante Sinead O’Connor, che durante un esibizione aveva rifiutato di cantare l’inno americano, e colpevole di aver strappato in diretta una foto del papaThe Voice dichiarò che l’avrebbe volentieri "presa a calci nel culo". nel corso di un concerto.
  • Gli ultimi concerti di Sinatra in Italia si tennero, con la collaborazione di Steve Lawrence e Eydie Gormè, tra il 21 e il 26 settembre del 1991, durante il Diamond Jubiliee Tour. Il 21 si esibì al Filaforum di Assago, vicino Milano, il 24 al palaghiaccio di Marino, Roma, e il 26 si concluse con una trionfale standing-ovation al termine del concerto al Teatro Grande di Pompei, nei pressi di Napoli.


BIOGRAFIA

Figlio di genitori italiani, un pompiere siciliano e un’ostetrica ligure, inizia a lavorare giovanissimo per un giornale, come strillone. Ancora adolescente la sua passione è però già la musica e con alcuni coetanei forma un gruppo musicale, "I 4 di Hoboken". Ma è come solista che partecipa, a 20 anni, ad una trasmissione per dilettanti, vincendola. E’ l’inizio della sua brillantissima carriera.Viene invitato ad alcune trasmissioni radiofoniche e si esibisce in piccoli night. Da quando poi Tommy Dorsey lo assume come vocalist nella propria orchestra, la sua strada è solo in discesa.

Con la sua voce gli USA attraversano e vincono la guerra e diventa "The Voice", il cantante per eccellenza. Il pubblico femminile impazzisce per lui e per quel suo tono di voce caldo, pastoso e seducente ma soprattutto per gli irresistibili occhi blu. ln breve è conteso da cinema,radio,discografici e night. Tutta la sua carriera è trascorsa all’ombra del dubbio che fosse un mafioso e come tale, appoggiato dall’Onorata Società fin dagli anni della gavetta. Di certo il divo ha avuto negli anni amici poco raccomandabili, malviventi, gestori di casinò molto chiacchierati, gente dal burrascoso passato e dal misterioso presente. Nulla è mai stato provato, anche se una sua vecchia amica senza peli sulla lingua, Shirley Mac Laine, nella sua autobiografia, parlando di lui, conferma tutto. Ed è leggenda popolare che fosse stato il tramite per agganciare John e Robert Kennedy, politici potenti e pericolosi presentando loro Marilyn Monroe. Sinatra fu poco fortunato in amore, dato che ebbe 4 mogli e molti flirt: Lauren Bacall, Juliette Powse, Angie Dickinson, Marilyn Monroe, Victoria Principal e persino, si dice, Grace Kelly e Nancy Reagan.

La donna della sua vita sembra essere Nancy Barbato con la quale è stato sposato dal 1939 al 1951 e che Frank lascia nel 1948 per amore di Ava Gardner.Un matrimonio disgraziato quello con l’attrice, durato dal 1951 al 1957. Nato all’insegna del glamour, tra due insicuri di fama si rivela un rapporto burrascoso e infelice, tanto che passeranno 10 anni prima che il divo si risposi con la allora quasi adolescente Mia Farrow. Un altro errore, durato dal 1966 al 1968, partito da premesse sbagliate: la moglie-bambina non aspirava alle gioie domestiche, ma alle luci della ribalta. Sinatra troverà la donna giusta nel 1976. Si tratta di Barbara Blakely Marx una donna matura,volitiva e saggia, come ormai maturo e saggio e diventato lui.Di tutti questi rapporti l’unico che ha dato frutti è stato quello con Nancy Barbato, dalla quale l’attore ha avuto 3 figli: .Nancy, Frank jr. e Tina.

Mingherlino con quella faccia buffa e un po’ disarmante, nel cinema sembrava irrimediabilmente destinato ai ruoli di spalla. E infatti, nei primi passi nel cinema, nel dopoguerra, è stato spesso il "secondo"del più muscoloso (e all’apparenza fascinoso) Gene Kelly in pellicole come "Due marinai e una ragazza" di Sidney, "Facciamo il tifo insieme" di Berkeley , "Un giorno a New York" di Donen. Kelly si scatena nelle sue rivoluzioni e conquista l’eroina del film, mentre a Sinatra di solito tocca la commediante, la ragazza matta che a forza di strattoni e gag riesce a scuoterlo dalla sua timidezza. E dire che a metà degli anni ’40 Frank Sinatra, è già la Voce che fa letteralmente impazzire le fan di tutta America. Eppure, per sfondare come protagonista, deve passare dalla porta laterale del "supporting actor" e per di più con un ruolo che non concede nulla al carisma canoro. Nel 1953 si batte per il ruolo di Angelo Maggio in "Da qui all’eternità" di Zinneman.

Mossa molto intelligente e,in base alla regola hollywoodiana non scritta per cui l’attore comico che passa al drammatico vince l’Oscar, vince la statuetta come miglior attore non protagonista, aggiudicandosi uno dei sei Oscar vinti dal film. Ma l’intelligenza è una dote che non ha mai fatto difetto a Sinatra che si è sempre gestito, in campo musicale, finanziario e cinematografico, con abilità. La sua carriera nel cinema è un esercizio di calibratura. Frank Sinatra non strafà mai.

Mai sopra le righe nelle parti drammatiche che si ripetono nel corso degli anni ’50. Le sue canzoni (molte da Oscar)cominciano a essere disseminate con misura in commedie come "Il jolly è impazzito", in commedie acide come "Un uomo da vendere", in commedie disinvolte come" Pal Joey" e "Il fidanzato di tutte". Frank Sinatra è confidenziale ormai anche sullo schermo (come nelle canzoni), circondato da donne bellissime e dal clan di ferro con il quale collabora per anni, in affari e nei film.

Con Dean Martin, Peter Lawford, Sammy Davis, Joey Bishop e Shirley Mac Laine trova anche sullo schermo un’immagine ideale: rilassata, irridente, impenitente, da scherzo in famiglia. Un’immagine perfetta come in "Tre contro tutti", "I quattro del Texas" o "I quattro di Chicago". Non sono un granchè come film, ma almeno uno di questi ci consegna l’essenza dell’attore Frank Sinatra: il capobanda. E’ nella parte di Ocean in "Colpo grosso", il film dove tutti i divi del clan misero in scena una fantastica rapina al loro casinò di Las Vegas, che nel 1960 sigla l’età d’oro di un’epoca e un’immagine di irresistibile mascalzone.

Biografia a cura di Francesco Gregorio

DISCOGRAFIA

Romance -(2002) ( Reprise -2 CD)

The Best of Frank Sinatra ( Reprise 2000 )

Frankie (1955) (Columbia )
The Voice (1955) (Columbia )
Frank Sinatra Conducts the Music of Alec Wilder (1956) (Columbia )
That Old Feeling (1956) (Columbia )
Adventures of the Heart (1957) (Columbia )
Christmas Dreaming (1957)(Columbia )
The Frank Sinatra Story (1958) (Columbia )
Put Your Dreams Away (1958) (Columbia )
Love is a Kick (1958) (Columbia )

Live in Australia con Red Norvo Quintet (1959) ( Blue Note Records )

The Broadway Kick (1959) (Columbia )
Come Back to Sorrento (1959) (Columbia )
Greatest Hits/The Early Years (1965) (Columbia )
Get Happy (1966) (Columbia )
I’ve Got a Crush on You (1966) (Columbia )
Christmas with Sinatra (1966) (Columbia )
The Essential Sinatra (1966) (Columbia)
Greatest Hits/The Early Years, Volume 2 (1967) (Columbia )
The Essential Frank Sinatra, Volume 1 (1967) (Columbia )
The Essential Frank Sinatra, Volume 2 (1967) (Columbia )
The Essential Frank Sinatra, Volume 3 (1967) (Columbia)
Frank Sinatra in Hollywood 1943-1949 (1968) (Columbia)
Swing and Dance with Frank Sinatra (CK 64852) (1996)
Songs for Young Lovers (1954) (Capitol )
Swing Easy (1954) (collection of singles) (Capitol )
Frank Sinatra Conducts Tone Poems of Color (1956) (LP: Capitol )
High Society (1956) (LP: Capitol)
In the Wee Small Hours (1955) (Capitol )
Songs for Swingin’ Lovers (1956) (arr. Nelson Riddle) (Capitol )
This is Sinatra (1956) (LP: Capitol )
A Jolly Christmas (1957) (Capitol )
A Swingin’ Affair (1957) (arr. Nelson Riddle) (Capitol )
Close to You (1957) (Capitol )
Pal Joey (1957) (LP: Capitol )
Where Are You? (1957) (Capitol )
Come Fly With Me (1958) (arr. Billy May) (Capitol )
Only the Lonely (1958) (Capitol )
This is Sinatra, Vol. 2 (1958) (LP: Capitol)
Come Dance With Me (1959) (arr. Billy May) (Capitol )
Look to Your Heart (1959) (Capitol )
Nice ‘n’ Easy (1960) (Capitol )
No One Cares (1959) (Capitol )
Can-Can (1960) (LP: Capitol )
Sinatra’s Swingin’ Session (1960) (Capitol )
All the Way (1961) (Capitol )
Come Swing With Me (1961) (arr. Billy May) (Capitol )
Point of No Return (1962) (Capitol)
Sinatra Sings of Love and Things (1962) (Capitol )
Frank Sinatra Sings Rodgers and Hart (1963) (LP: Capitol )
Tell Her You Love Her (1963) (LP: Capitol )
The Selected Johnny Mercer (1963) (LP: Capitol )
The Great Hits of Frank Sinatra (1964) (LP: Capitol )
The Selected Cole Porter (1965) (LP: Capitol DW/W )
Forever Frank (1966) (LP: Capitol )
The Movie Songs (1967) (LP: Capitol )
Duets (1993)
Ring-a-Ding-Ding (1961) (Reprise )
Sinatra Swings (1961) (Reprise )
I Remember Tommy (1961) (Reprise)
Sinatra and Strings (1962) (Reprise )
Sinatra and Swingin’ Brass (1962) (Reprise )
All Alone (1962) (Reprise )
The Concert Sinatra (1963) (Reprise )
Sinatra – Basie (1963) (Reprise )
Sinatra’s Sinatra (1963) (Reprise )
Days of Wine and Roses (1964)
Sinatra – Basie: It Might As Well Be Swing (1964) (Reprise 2)
Softly, As I Leave You (1964) (Reprise )
A Man and His Music (1965) (Reprise )
Moonlight Sinatra (1966) (Reprise)
My Kind of Broadway (1965) (Reprise )
Sinatra ’65 (1965) (Reprise )
September of My Years (1965) (Reprise )
Strangers in the Night (1966) (Reprise )
That’s Life (1965) (Reprise )
Sinatra – Basie: Sinatra at the Sands (1966) (arr. Quincy Jones) (Reprise )
Francis Albert Sinatra & Antonio Carlos Jobim (1967) (Reprise )
Frank & Nancy (1967) (Reprise)
The World We Knew (1967) (LP: Reprise)
Cycles (1968) (Reprise)
Francis A. & Edward K. (1968) (with Duke Ellington) (arr. Billy May) (LP reprise)
The Sinatra Family Wish You a Very Merry Christmas (1968) (LP: Reprise )
My Way (1969) (Reprise )
A Man Alone (1969) (Reprise )
Watertown (1970) (Reprise )
Sinatra & Company (1971) (Reprise)
Ol’ Blue Eyes is Back (1973)
Some Nice Things I’ve Missed (1974)
The Main Event/Live from Madison Square Gardens (1974)
Trilogy (1980)
She Shot Me Down (1981)
The Reprise Collection (4 CD set) (1992)
Sinatra and Sextet: Live in Paris (1962 recording) (1994)

L.A. Is My Lady (1984) (arr. Quincy Jones)

Frank Sinatra – The Voice: The Columbia Years, 1943-1952 (1986)

 


 

FILMOGRAFIA

 

1942 Ship Ahoy

1943 Higher and higher
1943 Nuvole paseggere – Till the clouds roll
1944 Hotel Mocambo – Step lively
1945 All star bond rally
1945 Due marinai e una ragazza – Anchors aweigh
1947 Accadde a Brooklyn – It happened in Brooklyn
1948 It’s only money
1948 Il miracolo delle campane – The miracle of the bells
1948 Il bacio del bandito – The kissing bandit
1949 Facciamo il tifo insieme – Take me out the ball game
1949 Un giorno a New York – On the town
1951 Quei dannati quattrini – Double dynamite
1952 Lasciami sognare – Meet Danny Wilson
1953 Da qui all’eternità – From here to eternity
1954 Gangsters in agguato – Suddenly
1954 Tu sei nel mio destino – Young at heart
1955 Il fidanzato di tutte – The tender trap
1956 Johnny Concho – Johnny Concho
1956 Alta società – High society.(special) + ( video )
1956 L’uomo dal braccio d’oro – The man with the golden arms
1957 Pal Joey – Pal Joey
1957 Il jolly è impazzito – The joker is wild
1957 Orgoglio e passione – The pride and the passion
1958 Cenere sotto il sole. Attacco in Normandia – Kings go forth
1958 Qualcuno verrà – Some came running
1959 Un uomo da vendere – A hole in the head
1960 Can Can – Can Can
1960 Sacro e profano – Never so few
1960 Colpo grosso – Ocean’s eleven
1961 Il diavolo alle quattro – The Devil at 4 o’clock
1962 Tre contro tutti – Sergeants Three
1962 Va’ e uccidi – The manchurian candidate
1963 Alle donne ci penso io – Come blow your horn
1963 I quattro del Texas – Four for Texas
1964 I quattro di Chicago – Robin and the seven hoods
1965 La tua pelle o la mia – None but the brave
1965 Patto a tre – Marriage on the rocks
1965 Il colonnello Von Ryan – Von Ryan’s express
1966 Combattenti della notte – Cast a giant shadow
1966 U 112. Assalto al Queen Mary – Assault on the Queen
1967 L’investigatore – Tony Rome
1967 Colpo su colpo – The naked runner
1968 La signora nel cemento – Lady in cement
1968 Inchiesta pericolosa – The detective
1970 Dingus: quello sporco individuo – Dirty Dingus Magee
1974 C’era una volta Hollywood – That’s entertainment
1977 Contract on Cherry Street
1980 The faboulous forties. Sentimental Journey
1980 Delitti inutili – The first deadly sin
1983 Hollywood Graffiti – Hollywood out takes and rare footage

1984 La corsa piu’ pazza d’america 2
1990 Le molte vite di Quincy Jones – Listen up: the lives of Quincy Jones
1991 Cole Porter.
You’re the top: the Cole Porter story
1991 Carnegie Hall at 100: 1891-1991 "A palce of dream"

 

Le cose da dire su questo meraviglioso artista sarebbero di gran lunga eccessive per un solo post, tra canzoni strepitose, musical e film vari la sua carriera è davvero vasta ed immensa, quasi mai toccata da nessun altro artista vivente. Tra le mie canzoni preferite rimarranno sempre: Chicago, For once in my life, Moon river, My way, New York New York, Night and day, Summer wind, You are the sunshine of my life, All or nothing at all. Ma a dire il vero è difficilissimo che ci sia una sua canzone, esibizione o quant’altro che non sia di mio gradimento. Grande Sinatra!!!

Per ulteriori informazioni, molto più precise e più dettagliate su questo artista vi consiglio di visitare il sito www.thevoice.it

 

 

 

 

 

Precedente Sacrificio Successivo Sorgo rosso

11 commenti su “Frank Sinatra

  1. dzikr il said:

    Anke x me Sinatra è “the voice” ma era anke, e ciò pesa d +, 1 mafioso.

    (Complimenti ke guardi Tarkovskij…)

    Passa a sentir la mia musica se t va!

    CiaU

  2. Ale55andra il said:

    A parte che il fatto che fosse mafioso rimane tuttora non dimostrato, al massimo aveva rapporti con alcuni mafiosi, ma questo quando devo ascoltare musica o guardare un film per me è del tutto irrilevante ^^.

    Cmq grazie della visita passerò a visitarti anche io ^_-

  3. FirstBrigitte il said:

    Come sai Ale io conosco questo autore abbastanza poco. Ovviamente alcune sue canzoni è impossibile non averle sentite, anche perchè ai suoi tempi furoreggiava letteralmente: io lo trovo sia come cantante che come attore abbastanza discreto. Ha una voce molto particolare… quando aveva già 70anni e passa fece uno spettacolo qui a Milano e si pagarono cifre incredibili per vederlo. A dimostrazione della sua grande fama Sinatra è anche citato in qualche canzone.. io ne conosco due (ma probabilmente saranno molte di più): una di Celentano (“Frank Sinatra tu penseraai, l’uomo che non tramonta maaai”).. poi c’è quella vecchissima del Quartetto cetra. A voi quali vengono in mente?

  4. FirstBrigitte il said:

    Ah, mi sono dimenticata una cosa: Perchè per te, dzikr, pesa di più che Sinatra fosse un mafioso piuttosto che un cantante/attore così grande da essere soprannominato “the voice”?

    Per canto mio sono d’accordo con Ale, il fatto che sia mafioso ha poca importanza quando si valutano le sue prestazioni artistiche. Ad esempio io non sopporto nè Mel Gibson nè Tom Cruise, come “persone”, non per questo aspetti della loro vita privata e personale intaccano il loro operato artistico e relativi commenti.

  5. Ale55andra il said:

    Infatti, cioè quando devi sentire una canzone o guardare un film, nn conta l’operato privato degli artisti coinvolti, almeno per me…

    Cmq Bri io quella canzone di Celentanto nn l’ho mai sentita :PPPP

  6. anonimo il said:

    Sinatra lo conosco più come cantante che come attore. Sicuramente ha una voce originale. Al senso della vita una volta la carrà ha detto che frank ci provò con Raffa. mi sa che hanno fatto un film insieme (il colonello mi sa si chiamasse o una cosa del genere).

    Comunque per quanto riguarda il aftto che sia mafioso, son d’accordo che non vada ad intaccare il suo talento come quello di qualsiasi altro artista che ha talento. Però vi pongo una questione:

    )caso astratto)Se un pluri-omicida o un mafioso, dimostra di avere talento e fa dei dischi, secondo voi viene trattato come un cantante che poi si scopre poi pluri-omicida? secondo me no…

  7. anonimo il said:

    Allora praticamente dico questo: se un’artista di grande talento e con grande successo e che è amato dal pubblico si copre che è un delinquente, ci sarà chi lo condanna, chi lo difende, però quasi tutti continueranno ad ascoltarlo perchè comunque ha talento e come avete detto voi è giusto che sia così. E sono d’accordo. Però guardala dall’altro lato: se un delinquente si scopre artista ed ha talento, secondo voi la gente sarà così obiettiva da riconoscere in lui un’artista e quindi eventualmente a comprare i suoi dischi? e separerebbe la vita privata dalla sua vita professionale come si fa per l’artista che poi si scopre delinquente? non so se mi sono spiegato, è un po’ complicato e contorto il mio discorso..

    Nico

  8. Ale55andra il said:

    Ah, ora è chiara la questione…per quel che mi riguarda la cosa è uguale in entrambi i casi, se uno fa una cosa bella da guardare o da sentire io la sento e bon, questo nn vuol dire condividere le sue scelte di vita…ma apprezzare l’arte (ammesso che ci sia)…

    Cmq penso che l’opinione pubblica nn farebbe mai un ragionamento del genere…

  9. iocito il said:

    Difficile separare arte e vita, come è difficile separare religione e vita. Chi darebbe credito a un predicatore che si comportasse in modo diametralmente opposto a quanto va dicendo dal pulpito?

    E dopotutto arte e religione sono nate insieme, anche se da molto tempo hanno preso strade (solo apparentemente?) diverse.

    Credo che invece la divisione tra vita e lavoro possa applicarsi meglio nel caso di uno scienziato, dove sono in gioco oggettività e verificabilità. Il fatto che Einstein fosse adultero e tirannico con la moglie non toglie minimamente valore alla teoria della relatività – perché non è stato lui a FARE la relatività, lui l’ha soltanto scoperta.

  10. cinemaleo il said:

    Un mito, una delle più grandi personalità del mondo dello spettacolo. Cantante superlativo e caposcuola, attore magnifico (basti pensare a “Da qui all’eternità” e a “L’uomo dal braccio d’oro” dove offre performance da 10 e lode).

Lascia un commento