Prison break

Prison break: adrenalina pura. Pathos, ansia, suspance all’ennesima potenza. Uno dei migliori telefilm sfornati negli ultimi anni, insieme a Lost e Heroes, per citarne qualcuno. Prison break, ti tiene col fiato sospeso puntata dopo puntata, facendoti appassionare in maniera eclatante alle vicende dei vari protagonisti, buoni o cattivi che siano, anzi facendoti tifare il più delle volte proprio per i più cattivi, caratterizzati in ogni loro aspetto umano e quindi più vulnerabili e a volte più simpatici. Prison break è anche una grande storia d’amore, quella tra i due fratelli protagonisti, un amore sconfinato che porta a dei sacrifici immensi, nonostante non ci sia la certezza di riuscire a farcela e di non soccombere. Prison break è sopravvivenza, furbizia, malizia, capacità di sfruttare il prossimo per i propri fini, salvo poi affezionarsi lungo il cammino a qualcuno di cui ci si è servito.

Prison break è la storia di Michael Scoffield (un bravissimo Wentworth Miller che sforna un’interpretazione da brivido), uomo per bene, altolocato, laureato con i massimi voti in ingegneria civile che si fa arrestare per rapina a mano armata, solo per raggiungere il carcere di massima sicurezza, Fox River, dove il fratello sta per essere condannato a morte per l’uccisione del fratello del vice-presidente degli Stati Uniti d’America. Per Michael l’innocenza del fratello è scontata, nonostante le numerose prove a suo sfavore e pur di riuscire a liberarlo da morte sicura e da catene che non merita, è deciso a correre ogni rischio. In realtà Michael è andato a Fox River, con un piano a dir poco ingegnoso nella testa, per riuscire ad evadere con suo fratello per poi dimostrarne la completa innocenza ed estraneità ai fatti. Ad aiutarlo ci sarà l’avvocatessa Veronica, amica di una vita nonché ex fidanzata di suo fratello Lincoln, che tenterà in ogni modo di scoperchiare quei segreti che lo “stato” tende a tenere nascosti rovesciando le colpe su quel capro espiatorio che è Lincoln. Una volta entrato in carcere Michael si renderà ben conto che da solo non potrà mai farcela a sopravvivere in quella giungla e soprattutto a portare a termine il suo piano, e quindi, man mano si circonderà di detenuti, fidati o meno, ma tutti indispensabili che lo aiuteranno nel suo piano di fuga con o senza secondi fini.

La prima serie si conclude in maniera eclatante, lasciando lo spettatore con la bocca aperta e il fiato sospeso per la suspance sulle sorti degli 8 carcerati che sono riusciti ad evadere ma che hanno perso l’appuntamento con l’aereo che avrebbe dovuto portarli fuori dagli Stati Uniti. Ora ai ragazzi non resta altro che correre…
La seconda serie, se possibile, è ancora più adrenalinica della prima, perché un conto è escogitare un piano di fuga dal carcere, dove nessuno sa che stai per evadere, un conto è tentare di rimanere a galla quando mezza america è alle tue calcagna, per non parlare dell’agente dei servizi segreti, Alex Mahone, del tutto deciso a riacciuffare i criminali, a tutti i costi. Man mano si scopre che i complotti e i segreti sono molti di più di quelli che ci aspettavamo e che non tutto è come sembra. Magari i cattivi stanno dalla parte dei buoni e i buoni da quella dei cattivi e magari non tutti dicono a verità, celando dei segreti inconfessabili che li costringono a compiere azioni deprecabili. 

La forza di questo telefilm sta, a mio avviso, proprio nella coralità dei personaggi. Il tutto non è centrato esclusivamente sulla figura affascinante ed enigmatica di Michael Scoffield, ma si ha modo di conoscere le personalità e le varie storie personali di tutti gli evasi di Fox River, che sono tutte interessanti ed altamente appassionanti.

 

CAST (informazioni tratte da www.telefilm-central.org/prisonbreak/)

MICHAEL SCOFIELD
NUMERO IDENTIFICATIVO: 94941
UBICAZIONE: Popolazione generale, ala A, cella 40
CRIMINE: Rapina a mano armata
SENTENZA: 5 anni
TEMPO RIMANENTE DA SCONTARE: 5 anni
IDONEO ALLA CONDIZIONALE: 2 anni e 6 mesi
NOTE: L’educazione di Michael Scofield pone la domanda sul perché un uomo di tal genere abbia potuto commettare un tale crimine. Frequenta brillantemente la Morgan Park High School, laurendosi poi Magna Cum Laude con un Dottorato in Ingegneria Civile alla Loyola University di Chicago. Al momento dell’arresto, Scofield è impiegato come ingegnere edile presso la prestigiosa ditta Middleton, Maxwell & Schaum nella sede di Chicago. Il detenuto Scofield, senza precedenti penali, è stato condannato per rapina a mano armata dopo aver tentato di rubare oltre mezzo milione di dollari presso un’agenzia di Chicago della United Savings Bank. Al processo, Scofield non ha contestato la pena e ha chiesto di scontare la condanna in un carcere di livello uno, il più vicino alla sua abitazione.
NOTE AGGIUNTIVE: Il detenuto soffre di diabete di tipo 1 e riceve visite da parte del suo avvocato, Veronica Donovan. Il detenuto è classificato nel grado C ed è ammesso a lavorare alle Prison Industries.

LINCOLN BURROWS
NUMERO IDENTIFICATIVO
: 19138

UBICAZIONE: Braccio della morte, cella 18

CRIMINE: Omicidio di primo grado, aggravato dall’uso di arma da fuoco

SENTENZA: Morte per elettrocuzione

TEMPO RIMANENTE ALLA CONDANNA: 30 giorni

IDONEO ALLA CONDIZIONALE: Detenuto non idoneo alla condizionale

NOTE: La biografia di Lincoln Burrows mostra che era destinato al Fox River sin dalla giovinezza. Dopo aver abbandonato anzitempo la Morgan Park High School, si trova nei guai con la legge in diverse occasioni: viene condannato a 2 mesi per furto, a 3 mesi per danni a proprietà privata, a 6 mesi per aggressione, a 6 mesi per possesso di accessori per droga, a 10 mesi per aggressione.

Burrows si dichiara non colpevole ed è stato condannato per tutti i capi d’accusa per la morte di Terrence Steadman, fratello del Vice Presidente degli Stati Uniti. Il 12 marzo l’appello finale presentato da Lincoln è stato rifiutato e la data della sua esecuzione è fissata per l’11 maggio.

NOTE AGGIUNTIVE: Il detenuto ha ricevuto visite da suo fratello Michael Scofield, il suo avvocato Tim Giles, suo figlio LJ Burrows e la madre Lisa Rix, la giornalista Sue Parsons. Il detenuto è considerato di grado C e può lavorare presso le industrie della prigione. Burrows è conosciuto nel Fox River con il soprannome ‘Linc the Sink’.


VERONICA DONOVAN

Veronica Donovan cresce a Fuller Park, un quartiere poco tranquillo nella zona sud di Chicago. Nonostante sia fidanzata con il giovane delinquente Lincoln Burrows, frequenta la scuola con profitto, vincendo una borsa di studio presso l’università dell’Illinois dove si laurea in Scienze Politiche; in seguito frequenta un dottorato in legge presso la Baylor Law School. Ritorna a Chicago dove viene assunta allo studio ‘Bianchi & Guthrie’. Pur non avendo conoscenza di diritto criminale, ha recentemente difeso il suo amico d’infanzia Michael Scofield nell’accusa di rapina a mano armata dopo che l’imputato ha rifiutato l’assistenza degli avvocati a lui assegnati d’ufficio.

JOHN ABRUZZI
NUMERO IDENTIFICATIVO
: 11846

UBICAZIONE: Popolazione generale, ala A, cella 96

CRIMINE: Duplice omicidio, associazione a delinquere a scopo di duplice omicidio

SENTENZA: 120 anni

TEMPO RIMANENTE DA SCONTARE: 117 anni e 6 mesi

IDONEO ALLA CONDIZIONALE: Detenuto non idoneo alla condizionale

NOTE: John Abruzzi, ex boss mafioso di Chicago, è probabilmente il detenuto più famoso del Fox River. La sua celebrità si è trasformata in potere presso le mura del penitenziario, tanto che non sarebbe un’esagerazione dire che John Abruzzi ha le redini del Fox River: altri detenuti, anche condannati per omicidio, si rivolgono a lui per affari interni alla prigione. Abruzzi è stato condannato per duplice omicidio e associazione a delinquere a scopo di duplice omicidio dopo essere sfuggito per decenni alla giustizia. Otto Fibonacci ha reso una testimoninza oculare al processo Abruzzi che ha convinto la giuria a condannare l’imputato per la morte di due rivali mafiosi. Abruzzi ha successivamente cercato di rintracciare Fibonacci, costringendo l’uomo ad essere inserito assieme alla sua famiglia nel programma Protezione Testimoni. Nonostante ciò, Abruzzi non ha perso le speranze di trovare Fibonacci.

NOTE AGGIUNTIVE: Il detenuto ha ricevuto visite da Philip Falzone e Anthony Smallhouse, suoi "soci d’affari", da Sylvia Abruzzi, sua moglie, e i figli Nicole e John Jr.; può lavorare presso le industrie della prigione ed è classificato come detenuto di grado C.

FERNANDO SUCRE
NUMERO IDENTIFICATIVO
: 10960

UBICAZIONE: Popolazione generale, ala A, cella 40

CRIMINE: due condanne per furto aggravato

SENTENZA: 17 anni

TEMPO RIMANENTE DA SCONTARE: 9 anni e 10 mesi

IDONEO ALLA CONDIZIONALE: 1 anno e 4 mesi

NOTE: Fernando Sucre nasce e cresce a Chicago, dove ha diversi guai con la giustizia nell’area di Humboldt Park. La madre di Sucre sentiva che era destinato a passare parte della sua vita in carcere perciò, nel tentativo di salvarlo, lo manda a stare da una zia a New York con la speranza che si rifaccia una vita. A New York, Sucre ottiene un lavoro stabile come parcheggiatore e incontra la donna della sua vita, Maricruz Delgado e, cosa più importante, riesce a stare lontano dai guai. Tuttavia, una volta che Sucre è tornato a Humboldt Park per una visita, dopo una serata passata con i vecchi amici, viene coinvolto in due rapine di negozi di liquori. Da quando è confinato al Fox River, Sucre è stato un detenuto modello. Ha espresso l’interesse a: ha espresso il desiderio nello scontare la sua condanna nel più breve tempo possibile per uscire e stare con la sua ragazza.

NOTE AGGIUNTIVE: Il detenuto ha ricevuto visite da Maricruz Delgado, la sua ragazza. Il detenuto ha il permesso di una visita coniugale al mese con Maricruz Delgado. Il detenuto è classificato come di grado C e può lavorare alle industrie della prigione. 

LINCOLN "L.J" JUNIOR BURROWS

Sino a pochi mesi fa, LJ era semplicemente un tipico ragazzo di Oak Park, Illinois. Vive in una bella casa con la madre Lisa e il patrigno Adrian. Ha buoni voti, nessun problema. Poi, suo padre Lincoln Burrows perde l’appello finale e viene stabilito il giorno dell’esecuzione. Ciò colpisce LJ più di quanto potrebbe immaginare. Negli ultimi tempi è diventato una persona totalmente diversa, sino a quando viene arrestato per possesso di marijuana con intenzione di spaccio. LJ continua a ripetere che il padre non ha alcuna influenza su di lui ma, a giudicare dalle sue recenti azioni, si direbbe il contrario.

CAP. BRAD BELLICK

Il capitano Bellick ha superato l’esame da guardia carceraria pochi mesi dopo essersi diplomato alla scuola superiore e da allora si trova al penitenziario Fox River. In questo tempo ha lentamente scalato i gradi di guardia carceraria. Tre anni fa, nonostante le denunce di abusi da parte di detenuti (nessuna delle quali è stata poi confermata), Bellick è stato promosso al grado di capitano, la carica più alta che una guardia carceraria possa raggiungere. Al momento i suoi incarichi sono: aiuto nel trasporto dei detenuti del braccio della morte alla sedia elettrica, supervisione del programma delle industrie della prigione del Fox River e controllo delle operazioni quotidiane di tutti i detenuti che appartengono alla popolazione generale. Bellick impersona la guardia carceraria tout-court: la sua visione è che non esistono "bravi detenuti"e lo scopo principale della prigione è la punizione, non la riabilitazione.

DR. SARA TANCREDI

La Dottoressa Sara Tancredi vive la sua vita secondo questa semplice massima: "Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo". Dalla più tenera età, Sara sa di voler diventare un dottore. Crescendo nei sobborghi di Chicago, ha sempre sperato di lavorare un giorno in un ospedale o in uno studio privato, in un posto tranquillo e al sicuro. Queste aspirazioni cambiano però durante il primo anno alla Northwestern University quando la Tancredi viene a conoscenza degli scritti di Gandhi. La sua visione del mondo muta radicalmente e irrevocabilmente: decide di abbandonare la carriera di dottore tradizionale e di seguire un percorso più umanitario. Ironicamente, il pensiero di Gandhi sulla non-violenza convince Sara a intraprendere la carriera presso uno dei luoghi più violenti: il Fox River. Facendo parte dell’esiguo staff medico del penitenziario, Sara è responsabile di ogni cosa, dalle operazioni di emergenza alla medicazioni di ferite. Il suo lavoro è nobile (vince anche diversi premi umanitari) ma anche molto pericoloso. Ogni giorno ha a che fare con stupratori e assassini che non toccano una donna da anni. Nonostante Sara non si soffermi a pensare ai rischi che corre ogni giorno, ciò è costante fonte di stress per il padre, il governatore dell’Illinois, Frank "Fronte della Giustizia" Tancredi. Ciò, insieme alle loro diverse vedute politiche, ha raffreddato in modo significativo i loro rapporti negli ultimi anni.

THEODORE "T-BAG" BAGWELL
NUMERO IDENTIFICATIVO
: 41118

UBICAZIONE: Popolazione generale, ala A, cella 16

CRIMINE: 6 capi per rapimento, stupro e omicidio di primo grado

SENTENZA: Carcere a vita

TEMPO RIMANENTE DA SCONTARE: Il resto della vita

IDONEO ALLA CONDIZIONALE: Detenuto non idoneo alla condizionale

NOTE: Theodore Bagwell (o T-Bag, come si fa chiamare) è uno più pericolosi predatori del Fox River. Poco sorprendentemente, T-Bag conosce poco la vita fuori dal carcere: dopo molteplici denunce per vandalismo e crudeltà verso gli animali, a dieci anni viene preso mentre tenta di dar fuoco alla casa del suo insegnante e spedito in riformatorio. Qui Bagwell fa la conoscenza del gruppo razzista "Alleanza per la Purezza" che dichiara la supremazia della razza ariana. Uscito di prigione, commette crimini via via più seri: aggressione, assalto con armi, tentato omicidio e infine rapimento, stupro e omicidio di sei giovani ragazzi. Viene condannato al carcere a vita presso il penitenziario di massima sicurezza "Donaldson" in Alabama dove assume in breve tempo la leadership nel gruppo dell’Alleanza. Sotto la sua guida, l’Allenza diviene così potente che il direttore del Donaldson si vede obbligato a trasferire i suoi membri per tutto il paese in modo da sciogliere il gruppo. Quando T-Bag arriva al Fox River, l’Alleanza non esiste; grazie però al suo carismatico atteggiamento, nel giro di due anni diviene uno dei gruppi più importanti all’interno della prigione.

NOTE AGGIUNTIVE: Il detenuto è conosciuto per la sua appartenza all’"Alleanza per la Purezza". Ha una relazione con Jason Buchanan, detto Maytag. Bagwell non ha ricevuto visite dal suo trasferimento al Fox River ed è classificato come detenuto di grado C.

DIRETTORE HENRY POPE

Comunemente si pensa che le prigioni esistano per punire i criminali. Il Direttore Henry Pope non è dello stesso avviso. Pope è responsabile del Fox River da ben 18 anni e ha sempre svolto il suo lavoro con lo scopo di riabilitare i detenuti in modo tale che, una volta usciti, siano meno inclini a commettere ulteriori crimini. Per questa ragione, ha creato all’interno del penitenziario il programma delle P.I. (le Industrie della Prigione) per aiutare i detenuti a fare tutte quelle attività (pittura, giardinaggio, e altre simili) che potranno essere loro utili una volta fuori dal Fox River. Allo stesso scopo il Direttore Pope ha istituito un programma di educazione per permettere ai detenuti di ottenere un titolo di studio equivalente al diploma della scuola superiore e, in rari casi, della laurea. Ormai è prossimo al pensionameto e per questo motivo sta cercando un successore che possa gestire il Fox River allo stesso modo. Henry Pope è sposato con Judith da oltre 39 anni.

CHARLES WESTMORELAND
NUMERO IDENTIFICATIVO
: 82978

UBICAZIONE: Popolazione generale, ala A, cella 13

CRIMINE: Dirottamento aggravato di veicolo, irruzione in veicolo, omicidio involontario e imprudente

SENTENZA: Da 60 anni all’ergastolo

TEMPO RIMANENTE DA SCONTARE: Il resto della sua vita

IDONEO ALLA CONDIZIONALE: 26 anni

NOTE: Charles Westmoreland è uno dei più vecchi detenuti del Fox River, dove sta scontando il ventottesimo anno di prigionia. Westmoreland viene processato e incarcerato a Douglas, in Arizona e sconta i suoi primi due anni nel carcere di stato di Florence, in Arizona. A causa di problemi economici, nel 1973 la prigione è costretta a far trasferire alcuni suoi detenuti in altri Stati: Westmoreland viene assegnato al Fox River. Sin dalla sua incarcerazione in Arizona, si diffonde immediatamente la voce secondo la quale Westmoreland sarebbe il leggendario dirottatore d’aereo D.B. Cooper. Nel 1971 Cooper tenne in ostaggio un 727 pieno di passeggeri per ottenere un riscatto di un milione e mezzo di dollari; poi si paracadutò nelle foreste nel Pacifico NordOvest e da allora è scomparso. Non ci sono mai state prove a sufficienza per incriminare Westmoreland dei crimini di DB Cooper ma solo prove circostanziali. E questa sua nomina lo ha seguito al Fox River. Non è facile essere un detenuto sospettato di essere un milionario. Alcuni prigionieri lo tormentano continuamente: è stato minacciato, assalito e una volta un detenuto gli ha rotto il setto nasale perché intendeva estorcergli dei soldi. Recentemente le minacce fisiche si sono attenuate, essendo ormai anziano. Dopo tre decenni di secche smentite, molti detenuti sono arrivati alla conclusione che Charles Westmoreland non sia effettivamente D.B. Cooper.

NOTE AGGIUNTIVE: Il detenuto ha il permesso di tenere una gatta di colore marrone-grigio di nome Marilyn perché i suoi antenati erano al Fox River prima che nella prigione fosse stabilito il divieto di tenere piccoli animali da compagnia. Il detenuto può tenerla nella sua cella, ma la gatta non può essere lasciata libera di girare nell’edificio. Il detenuto ha ricevuto visite dalla figlia, Anna Westmoreland. Il detenuto è classificato di grado B e può lavorare presso le Industrie della Prigione come detenuto di fiducia.


AGENTI SPECIALI PAUL KELLERMAN & DANNY HALE

L’agente Kellerman si è laureato all’Accademia di West Point quindici anni fa con un percorso praticamente perfetto. Quasi immediatamente viene spedito in Kuwait in occasione della Guerra del Golfo e per il coraggio e il valore dimostrato sul campo diviene il primo nel suo corso con la carica di Capitano. Kellerman aveva una promettente carriera nell’esercito ma il governo federale, resosi conto del suo potenziale, lo ha accolto tra le sue fila, offredogli un ruolo di prestiglio all’interno del Servizi Segreti. Cinque anni fa, gli viene assegnato come partner l’agente Danny Hale che aveva da poco rassegnato le dimissioni per protesta contro il Dipartimento dell’Antiterrorismo dell’FBI che, a suo dire, aveva sottovalutato le minacce dei terroristi islamici. A proposito dei loro compiti, una volta che è stato chiesto loro cosa li ha spinti ad intraprendere questa carriera, entrambi hanno risposto: "Per aiutare a difendere il nostro Paese". Non ci sono informazioni disponibili circa la recente storia dei due agenti e delle loro missioni. Tutti i files degli ultimi quattro sono segnati come ‘classificati’ ed è impossibile determinare a cosa abbiano lavorato. Ufficialmente, sia l’agente Kellerman che l’agente Hale non sono più considerati membri dei Servizi Segreti o impiegati del governo federale.

BENJAMIN FRANKLIN "C NOTE"
Detenuto a Fox River per possesso di beni rubati, C note riesce sempre a farsi valere nelle questioni con gli altri detenuti. Ad aspettarlo fuori una moglie e una figlia che non sanno che il loro amato padre e marito si trova in prigione, credendolo arruolato nell’esercito per una missione in Iraq.

NICK SAVRINN

 Quando Nick Savrinn si laurea brillantemente in Legge alla Columbia Law School, i maggiori studi di Manhattan gli offrono un impiego di prestigio all’interno del loro staff. Rifiuta però tutte le proposte, scegliendo di tornare a Chicago e di lavorare pro bono per i detenuti condannati ingiustamente. Questa decisione ha sorpreso alcuni dei compagni di studi, ma non i suoi amici di vecchia data e i familiari. Quando Savrinn aveva tre anni, suo padre venne condannato per un crimine mai commesso. Assistendo alla disperazione provocata un verdetto ingiusto, decide infatti di aiutare coloro che si trovano nella stessa situazione del padre. In undici di lavoro al "Progetto Giustizia" Savrinn ha portato alla liberazione ben tredici uomini, cinque dei quali condannati alla pena capitale. Tuttavia, recentemente ha conseguito la sua vittoria più importante riuscendo a dimostrare l’innocenza del padre.

CHARLES "HAYWIRE" PATOSHIK

NUMERO IDENTIFICATIVO: 72864

UBICAZIONE: Reparto psichiatrico, cella 25

CRIMINE: Omicidio di secondo grado (2 capi)

SENTENZA: 60 anni

TEMPO RIMANENTE DA SCONTARE: 56 anni

IDONEO ALLA CONDIZIONALE: 26 anni

NOTE: Prima della sua incarcerazione, Patoshik era un ottimo candidato per il Dottorato in Matematica, avendo incentrato le sue ricerche sui "frattali", un tipo di modello geometrico. Durante questo periodo di intenso studio, sono iniziati i primi sintomi di instabilità mentale. Non molto dopo, e malgrado nessuna storia di violenza, Patoshik si è recato a casa dei suoi genitori portando con sé un fucile, è entrato nella loro camera da letto e li ha uccisi nel sonno. Patoshik dichiara di non ricordarsi nulla del crimine commesso e non ha mai dato una spiegazione sul perché abbia ucciso i suoi genitori. Internato nel reparto psichiatrico del Fox River ha ricevuto il soprannome di "Haywire". Dopo quattro anni di cure intensive e monitoraggio, i medici hanno visto sufficienti progressi da rilasciarlo nella Gen Pop.

NOTE AGGIUNTIVE: Il detenuto ha una lesione al cervello che gli causa una profonda insonnia; soffre di schizofrenia con tendenze bipolari. Gli è stata fornita continua assistenza medica per curare il disordine mentale di cui soffre. E’ classificato come detenuto di grado D e non ha il permesso di lavorare presso le P.I.

DAVID "TWEENER" APOLSKIS

NUMERO IDENTIFICATIVO: 95012

UBICAZIONE: Popolazione generale, ala A, cella 13

CRIMINE: Furto di beni di valore

SENTENZA: 5 anni

TEMPO RIMANENTE DA SCONTARE: 2 anni

IDONEO ALLA CONDIZIONALE: 1 anno

NOTE: Apolskis ha avuto sempre delle grandi mani. Nella scuola inferiore lo hanno aiutato a conquistare il ruolo di portiere nella squadra di calcio dell’istituto. Ma, arrivato alla nona classe, Apolskis non è stato ritenuto idoneo a divenire un atleta professionista. A questo punto ha pensato di utilizzare il suo talento diversamente. Apolskis è diventato un abilissimo borseggiatore e tra i 14 e i 19 anni ha rubato oltre 200 portafogli e 150 orologi. Questi dati sono ancora più impressionanti se si considera il fatto che ha trascorso otto mesi in riformatorio per due condanne distinte. Ma Apolskis ha osato troppo quando ha tentato di rubare il portafogli da un ufficiale di polizia. E’ stato immediatamente arrestato e quando le autorità hanno messo a soqquadro il suo appartamento hanno trovato una rarissima card di un giocatore di baseball, del valore di 300mila dollari, rubata un paio di giorni prima. E’ stato condannato a scontare 5 anni al Fox River con l’accusa di furto di bene di valore.

AGENTE SPECIALE ALEXANDER MAHONE

L’agente dell’FBI Alexander Mahone arriva al Fox River con l’ordine di occuparsi della cattura degli evasi. Uomo estremamente intelligente, si dimostra un validissimo profiler: esaminando i tatuaggi di Michael, intuisce immediatamente alcuni significati insiti in essi e collegati all’evasione. Il suo atteggiamento ne fa l’antagonista diretto di Michael, mentre con Bellick pare avere in comune solamente il desiderio di catturare gli evasi. Nasconde però, apparentemente, un segreto che potrà rivelarsi anche una debolezza: le pillole che porta con sé in una penna stilografica.

Tra i miei personaggi preferiti ci sono John Abruzzi (un vero duro d’altri tempi), T bag (il criminale più simpatico ed esilarante che io abbia mai visto in tv), C note (l’unico che riesce a far sentire la sua voce e a far valere le sue ragioni), Tweener (un ragazzino che in fondo non ha fatto nulla di male e che riesce a cavarsela anche nelle situazioni più estreme), Mahone (geniale quasi quanto Michael, ossessionato dalla ricerca dei rivali, personaggio molto introspettivo e carico di pathos) e, ovviamente, Michael (possiede un intelletto e una genialità fuori dal comune, ha ideato un piano coi fiocchi per far evadere il tanto amato fratello).



A settembre dovrebbe arrivare in America la terza serie e io non vedo l’ora di potermela gustare così come non mi sono lasciata scappare queste due prime imperdibili stagioni!

Precedente Broken flowers Successivo Arsenico e vecchi merletti

8 commenti su “Prison break

  1. anonimo il said:

    Anche secondo me una delle migliori serie attualmente in onda 🙂 E la cosa incredibile e’ che la seconda stagione e’ assolutamente all’altezza della prima, cosa che di solito e’ difficilissima. E poi tutti gli attori son stati scelti con cura, ti immedesimi quasi subito nelle loro parti.

    E dopo aver visto la fine dell’ultima puntata della seconda stagione, non vedo l’ora di sapere che cavolo sta succedendo!!! 🙂

  2. anonimo il said:

    Comunque c’e’ in giro il preview di 17 minuti. Mi hanno detto che e’ molto bello pure quello 😀

    Cavolo non vedo l’ora, poi ne potremo sparlare tranquillamente 😀

    Gianmario

  3. FirstBrigitte il said:

    Non solo la seconda serie è allo stesso livello della prima… secondo me è pure meglio!!! Quella dei personaggi di Prison Break è la miglior combriccola di protagonisti che si sia mai vista (probabilmente solo Lost tiene loro testa): T-Bag, Haywire, Micheal.. sono uno più accattivante dell’altro. Chi per simpatia, chi per genialità fuori dal comune, chi per tonta ingenuità… davvero indimenticabili.

    Le storie di tutti i personaggi sono coinvolgenti, più di tutte quella di C-Note.. l’unico che ha la fine che davvero gli spetta!(Nella terza serie non lo rivedremo ^^).

    Insomma, con queste premesse è ovvio che anche io sono impaziente… non vedo l’ora che sia il 18 Settembre!!!! 🙂

    L’ultima puntata delle seconda serie ha creato una suspance incredibile.. per non parlare dei trailer.. per non parlare gli ultimi 3 minuti … da brivido. Io ho anche la fortuna di poter guardare la serie con una compagna eccezionale 😛 (cioè Ale55andra, eh?)

  4. Ale55andra il said:

    Eheheh, guardare film e telefilm con te è una cosa eccezionale! Cmq da come scrivi pare che C note abbia fatto una brutta fine, e invece…! Ma nn sveliamo troppo per chi non ha ancora visto la strabiliante seconda serie.

    Forza Bri ti voglio scattante per il 18 settembre!! (Non vedo l’ora che arrivi) :***

Lascia un commento