Ally McBeal

Ally McBeal è sempre stato il mio telefilm preferito, così divertente, irriverente, sarcastico e dolce in alcuni momenti, ma senza mai scadere nello scontato e nello smielato. Inoltre è ambientato tra studi legali e aule di tribunale, cosa che quando lo seguivo assiduamente, mi fece appassionare molto di più, dato che volevo studiare giurisprudenza e diventare un grande avvocato. Le cose col tempo cambiano, ma la passione per il telefilm è rimasta. Quello che fa il successo di questo show sono comunque i personaggi principali e i rapporti che vengono a crearsi tra di loro, di amicizia, di amore detto e non detto, di passione, di odio a volte, tutto trattato con una vena comica e spiritosa davvero squisita.

Abbiamo Ally, la giovane avvocatessa che si licenzia dallo studio legale per il quale lavorava, avendo subito delle avances sessuali dal suo capo e che, dopo aver incontrato Richard Fish suo ex compagno di università, viene assunta dallo stesso nel suo nuovo studio legale tenuto in società con John Cage, uno strano ometto che viene chiamato Biscottino. Intorno a questi tre personaggi principali, che io adoro letteralmente, chi più chi meno, si snodano varie storie e le varie situazioni grottesche, assurde e simpaticissime. Ogni puntata è dedicata ad un caso diverso (quasi sempre), che vede impegnati in tribunale i nostri avvocati che ce la mettono tutta per vincere, alcuni ricorrendo a trucchetti davvero esilaranti, vedi John e il fischio del suo naso o il suo strano modo di far rumore versando l’acqua nei bicchieri.

Ally però, non si aspettava andando a lavorare con Richard, di trovare l’amore della sua vita che l’aveva lasciata per intraprendere la carriera giuridica, Billy, ora sposato con Giorgia che molto presto andrà a lavorare alla Cage/Fish. Tra le due ci saranno asti e attriti dovuti ovviamente alla situazione che si è venuta a creare con l’arrivo di Ally nello studio, ma molto presto metteranno da parte le rivalità amorose e diventeranno grandi amiche.

Ally, inoltre, divide l’appartamento con la sua amica di sempre Renee, sempre saccente e irriverente, una pimpante pm che sprizza sesso da tutti i pori, ma che ha un’interiorità molto profonda.
Con l’inizio della seconda stagione vengono introdotti due nuovi personaggi, secondo me indispensabili al proseguimento del telefilm, dato che uno dei due credo sia il mio preferito in assoluto insieme a Richard e cioè Ling, la giovane e bellissima avvocatessa che manda avanti numerosi business, dal locale di lotta nel fango a varie altre aziende, capricciosa, cinica e crudele che si innamora del sempliciotto e cinico a suo volta Richard, instaurando una delle relazioni più divertenti che si siano mai viste in un telefilm. Insieme a lei, viene assunta nello studio anche Nelle “sottozero” un’algida biondina fredda e apparentemente senza cuore, che in realtà si rivela la più dolce e amorevole di tutti e che instaurerà un’insolita storia d’amore con Biscottino, anch’essa foriera di episodi divertentissimi.

Fanno da sfondo una serie di personaggi altrettanto caratterizzati e divertenti, dal giudice Whipper, donna in là con l’età ma ancora molto sexy e piacevole, ex fidanzata storica di Richard, il giudice Happy fissato con la dentatura degli avvocati e degli imputati, Elen la segretaria tutto pepe divertentissima e sopra le righe con tutte le sue invenzioni strambe, dal reggiviso, allo scuotiseno, ecc…, a numerosi altri personaggi che si susseguiranno e sostituiranno gli altri nel corso delle cinque stagioni.

Ally è una donna molto strana, quasi incapace di essere felice, ma in perenne ricerca dell’uomo ideale, dopo essere stata abbandonata da Billy, il grande amore della sua vita (il telefilm si apre proprio con una scena dei due, bambini, che si annusano il sedere). Nel corso delle stagioni troverà dei compagni importanti, come Greg l’affascinante dottore di colore o Larry l’avvocato simpatico e gigionesco, il mio preferito in assoluto dei suoi amori. Larry è l’unico che riuscirà a farle scordare Billy e a farla innamorare perdutamente per poi essere abbandonata ancora una volta.

Nell’ultima stagione, ci saranno un sacco di protagonisti famosi, vedi Lolita (Christina Ricci) che riuscirà a portare all’altare il materialista e scapolone d’oro Richard, Victor (Jon Bon Jovi) che instaurerà una breve relazione con Ally e molti altri, tra i quali la più divertente e mirabolante è Claire Otoms con quei vestiti sgargianti e pacchiani e il parruccone fuxia.

Descrivere tutti i personaggi che si sono susseguiti nel corso delle stagioni è cosa assai ardua, perché sono veramente tanti, tra avvocati, imputati, segretarie, amici e gente varia. I miei preferiti di sempre, come ho detto prima, sono Richard che parla per “marchi di fabbrica” e suol dire molto spesso per riparare ai suoi guai “pietra sopra” e Ling con lo sguardo felino, affascinante, bellissima, cinica e divertente come non mai, che ovviamente non poteva che “accoppiarsi” con Richard.

Un altro aspetto bellissimo di questo telefilm è sicuramente la colonna sonora, cantanta molto spesso da Vonda Shepard, presente nel telefilm ogni qualvolta i nostri avvocati si recano nel locale sotto lo studio, per rilassarsi dopo il lavoro o per festeggiare vari avvenimenti, vedi i compleanno di Ally, che non ama essere festeggiata o quelli di John fissatissimo con Barry White, che in un’occasione viene addirittura invitato al locale dalla fidanzata Nelle, in una delle scene più belle del telefilm.

 

   

I vari personaggi, si muovono tra tribunali, studi legali, locali vari, ma il luogo nel quale assistiamo alle scene più divertenti è il bagno unisex dello studio legale Cage/Fish, nel quale ci vengono mostrati balletti vari, incontri strani, luoghi nascosti e mille altre chicche divertentissime ed esilaranti. Inoltre, John così come Ally, frequenta vari analisti dei quali la più goliardica e scoppiettante è Tracy, il personaggio che ha strappato più risate di tutti. Insomma, a mio avviso Ally McBeal è un telefilm imperdibile che tutti dovrebbero vedere una volta o l’altra.

Ecco alcune dei marchi di fabbrica di Richard Fish, che a me facevano letteralmente morire dal ridere:

Io ho scelto legge unicamente per un motivo: fare soldi!

L’amore… non puoi contarci, è un ponte traballante. La grana è l’unica cosa che puoi portare… in banca! Fa’ abbastanza soldi e tutto il resto verrà da sé!

L’amore è un equazione: da un me e un te si arriva a un noi… molto semplice. Quello che voglio dire è che alla base di un noi c’è sempre un te e un me e se il me è ancora in fase di perfezionamento… per l’amor del cielo, non cominciare a costruire il noi!

Siamo tutti un po’ soli, ma è più facile accettarlo se fai parte di una coppia.

Le riunioni sono organizzate perchè gli studenti di maggior successo dimostrino agli altri cosa sono: dei falliti

La chiave della felicità è il tasto avanti veloce: ogni film ha delle scene brutte, il trucco è saltarle premendo quel tasto.

Se vuoi arricchirti, prendi i soldi prima che ti vengano degli scrupoli

Aiutare le persone e fare il proprio interesse è senza dubbio la cosa migliore

Se vuoi essere felice non guardarti intorno, la chiave della felicità è una sola: accontentarsi.

Se non la baci la prima sera sei un gentiluomo, se non la baci la seconda sei gay.

Quale persona passerebbe l’equivalente di due anni a truccarsi la faccia, a strapparsi le sopracciglia, a farsi riempire il seno di silicone da un dottore? C’è un nome per questo tipo di persona: donna. Fa tutte queste cose perchè piacciono agli uomini. Non parlarmi di uguaglianza e non dirmi che non sono disabili.
Non è la sostanza che conta, ma la forma.

Dalla vita voglio di più. [..] Più soldi.

Uomini e donne: frizione. Frizione, frizione, frizione, orgasmo. Non c’è altro.

La giustizia non è mai più dolce di quando arriva col triplo del risarcimento.

Vero amore uguale arrapamento perenne.

Il pene non dimentica mai.

E’ per questo che Dio ha dato all’uomo la maniglia: perché la donna si aggrappasse.

La vera felicità la danno solo i soldi.

L’amore è temporaneo, solo l’infelicità dura per sempre.

Non c’è gusto a sapere un segreto se non puoi spifferarlo.

L’uomo è fatto per spargere il suo seme, quando tradisce segue la sua indole.

Se la tua donna è lontana è più facile tradirla

Precedente Platoon Successivo Giacomo Leopardi

11 commenti su “Ally McBeal

  1. FirstBrigitte il said:

    Utente anonimo “Uno dei più brutti telefilm delle storia”

    Che senso ha lasciare un commento così non lo capisco proprio…

    Comunque… perchè brutto?

  2. anonimo il said:

    Non, non ero io. Io di ally mcBeal ho visto solo una puntata quindi non posso giudicare! Indovina che puntata..quella dove lei pensa di far sesso in una tazza gigante

    Nico

  3. anonimo il said:

    Anche a me piaceva molto. Leggero fino ad un certo punto ma c’erano delle arringhe stupende e quanto mi è dispiaciuto per Billy. La figlia l’avrei però strozzata, il finale della serie mi ha lasciato una sensazione di incompiuto

  4. anonimo il said:

    Ciao Alessandra, intanto complimenti per il blog, mi piacciono molto le tue recensioni e mi piace il tuo modo di scrivere e raccontare.
    Ho adorato Ally McBeal!!! tanto da comprare i dvd di tutta la serie (mi piace molto vederla in originale, anche se i ns doppiatori sono bravi preferisco ascoltare le voci degli attori che sono tutti bravissimi)!!!
    Con Ally ho riso, ho pianto ed ho condiviso tanti momenti di vita. le stesse ansie, le stesse paure!!
    peccato sia durato solo 6 serie lasciando un senso di incompletezza (come ha già scritto qualcuno nei commenti) e la sensazione che sia stato finito in fretta!!!
    almeno una volta all'anno riprendo il primo dvd e inizio la mia lunga maratona.
    ciao Monica

Lascia un commento