Pelham 123 – Ostaggi in metropolitana




REGIA: Tony Scott

CAST: Denzel Washington, John Travolta, John Turturro, James Gandolfini, Luiz Guzman

ANNO: 2009

 

Walter Garber, impiegato della metropolitana addetto allo smistamento dei treni, un tempo pezzo grosso ora declassato a causa di un’inchiesta su un suo presunto coinvolgimento in un caso di mazzette, si ritrova casualmente a dover comunicare con il respnsabile del dirottamento di un vagone. Il dirottatore che si fa chiamare Ryder, insieme ad altri complici, prende in ostaggio 19 persone, compreso il macchinista, chiedendo in cambio una somma di 10 milioni di dollari da parte del sindaco e della città di New York. Il sindaco ha un’ora per esaudire la richiesta del pazzoide, pena la morte di una vittima per ogni minuto di ritardo…

 

Tony Scott ci ha abituati ad un cinema frenetico ed esageratamente movimentato e se vogliamo questo è il suo marchio di fabbrica, la sua firma riconoscibilissima e più o meno apprezzabile a seconda dei gusti e delle preferenze. Non fa eccezione “Pelham 123 – Ostaggi in metropolitana” che fa del ritmo forsennato e della natura abbondantemente fracassona il suo punto di forza. Niente da ridire su questo, visto che è una scelta, opinabile o meno, plausibilissima quella di girare un film d’azione rendendolo particolare e differente dagli altri proprio con uno stile quasi inconfondibile, basato sulla composizione di elementi quali una regia piena di zoomate, ralenti, primissimi piani, movimenti impensabili, scene d’azione rocambolesche. Quello che non si riesce proprio a mandare giù è tutto il resto, considerando anche che stiamo parlando di un remake di un film degli anni ’70 “Il colpo della metropolitana”, con Walter Mathau e Robert Shaw, e che per esso il regista ha avuto a disposizione un budget da capogiro senza però riuscire a creare uno spettacolo degno di questo nome. Viene da pensare allora che la maggior parte del denaro riservato alla produzione di questo film sia andato in tasca ai richiestissimi attori protagonisti e alla stessa città di New York dove, principalmente in metropolitana, è ambientata completamente la pellicola.

Non si riesce nemmeno a godere delle interpretazioni dei valentissimi attori protagonisti perché ingabbiati in personaggi mal costruiti e poco approfonditi. E’ così che John Travolta interpreta un pazzoide irritante e macchiettistico fino all’eccesso che si esprime in maniera improbabile continuando ad incasellare battute, anzi battutacce, ad effetto una dietro l’altra. Non è da meno nemmeno Denzel Washington (attore feticcio del regista), davvero poco credibile nella sua repentina trasformazione da imbolsito e pacato impiegato della metropolitana ad eroe coraggiosissimo in cerca di redenzione. Sullo sfondo abbiamo un John Truturro completamente trasparente, chiamato ad interpretare un personaggio del tutto privo di spessore, il comandante del team di negoziazione ostaggi e un James Gandolfini relegato e imprigionato in un ruolo pieno zeppo di clichè cinematografici, il sindaco un po’ rozzo e ignorante che fa scandalo per le sue relazioni extra-coniugali e che rappresenta tutto il marcio che c’è in una città.

Come se non bastasse il film è attraversato da una serie di dialoghi insostenibili e di improbabili conversazioni telefoniche tra coniugi (resterete sorpresi di sentire su cosa verte la telefonata tra l’impiegato della metro e sua moglie…) e sentimentalismi spiccioli e stucchevoli. Senza contare il riferimento alle moderne tecnologie con uno degli ostaggi, un ragazzo, che comunica con la sua fidanzata tramite web-cam senza che i dirottatori se ne rendano conto.

Ecco che allora la pellicola si arricchisce di gag di dubbio gusto e quasi comicamente fuori luogo (come uno degli ostaggi che scherza sul fatto di dover fare pipì), conditi da eroismi poco credibili e risibili e spiccioli riferimenti a temi fin troppo gridati come la paura americana del terrorismo e la crisi economica (il dirottatore è addirittura un esperto di borsa). Quello che però delude profondamente è la mancanza di un’idea di fondo che non sia la sterile e noiosa riproposizione di un canovaccio ormai logoro e stantio: il dirottamento di un treno con un criminale spietato che si contrappone all’uomo comune chiamato ad affrontarlo. La novità starebbe nel fatto che nemmeno l’uomo comune è poi così innocente visto che molto probabilmente, anzi diciamo sicuramente, si è intascato una bella mazzetta di 35.000 dollari per mandare i figli al college. Ecco allora creata una flebilissima e per niente soddisfacente giustificazione allo scatto inconsulto e irreale del protagonista che comincia ad inseguire il dirottatore in fuga rischiando la sua stessa vita, pur di consegnarlo alla legge. Non mancano, ahinoi, i soliti inseguimenti stradali che sfociano nei prevedibilissimi incidenti roboanti (alcuni sfiorano il ridicolo) che causano il ritardo dell’operazione di consegna dei soldi nell’intento di creare tensione e pathos riuscendo solo ad affossare ulteriormente la pellicola nella banalità.

Niente da fare, dunque, per Tony Scott che è dai tempi di “Spygame” che non sforna un film soddisfacente, avvicinandosi anche al disastro completo con “Domino”. Con la speranza che in futuro si avvalga di script e sceneggiature ben più valenti (la cosa sorprende visto che in questo caso lo sceneggiatore è quel Brian Hengland che ci ha regalato perle come “L. A. Confidential” e “Mystic river”) e di idee più interessanti, non ci resta altro che bocciare questa pellicola su tutti i fronti.

 

VOTO:

 


Precedente District 9 Successivo L'assassinio di un allibratore cinese

16 commenti su “Pelham 123 – Ostaggi in metropolitana

  1. Cinemasema il said:

    D’istinto il film non mi attraeva per niente e adesso grazie alla tua ottima recensionene ne ho la conferma. Questo forse non lo vedrò neppure in home video.

  2. mammamia tony scott. ma quanti film può ancora girare con stacchi di montaggio ogni 2 secondi e mezzo? per me può fare solo pubblicità progresso sui danni collaterali della caffeina.

  3. Ale55andra il said:

    Ahah!! Diciamo che questo è il suo stile, opinabile o meno. Ma è proprio che co sto film ha toppato di brutto in tutto e per tutto…

  4. Agegiofilm il said:

    Fino a qualche tempo fa riuscivo a sopportare Tony, insieme a Bruckheimer, Bay e Joey Silver, un quartetto esplosivo ma alla lunga noioso.

    Pelham riesce comunque ad incuriosirmi, ma ancora di più l’originale con Walter Matthau.

    Il Torneo degli Oscar è arrivato al 1981, vota quando vuoi.

  5. daddun il said:

    L’ho evitato: mi è sembrato da subito l’ennesima “boiata” di Scott! Oggi in metropolitana, domani su un taxi e, chissà, magari la prossima volta in un convento: ogni luogo è buono per riproporre i soliti giochi di macchina ed il montaggio forsennato.
    Ciao, Ale

  6. Ale55andra il said:

    A qualcuno è piaciuto, non so. Potrebbe anche incontrare i gusti di qualcuno. Perlomeno Scott ha uno stile…opinabile o meno, ma ce l’ha. Questo film al di là dello stile riconoscibilissimo del regista (che appunto può essere un merito o un demerito a seconda dei gusti), non ha veramente nulla di apprezzabile, almeno secondo me.

  7. pilloledicinema il said:

    Una volta tanto ci scambiamo i ruoli! Pensa che dopo aver letto la tua recensione non ho più guardato la locandina nemmeno da lontano, anche perchè tu di solito sei un po’ più larga di me con i giudizi. Poi per caso ieri sono andato a vederlo ed anche se i difetti che hai riscontrato tu sono tutti veri a me l’unica cosa che ha disturbato seriamente è stata la sceneggiatura che ogni due per tre non riesce a non infilare una sciocchezza per mandare avanti l’intreccio. Però la prima ora scorre bene ed anche la conclusionone anche se è nella più trita retorica Hollywoodiana, con l’eroe che dopo aver fatto il suo dovere torna con la spesa nella sua casetta con giardino da moglie e figli, non riesce a far dimenticare il buon ritmo della prima parte. In ogni caso Tony Scott avrà anche uno stile riconoscibile, ma certe volte è proprio irritante.
    Ciao

Lascia un commento